I 6 formati di pasta più strani e originali

Osservando gli scaffali dei supermercati è facile perdersi nella moltitudine di varietà di pasta che ormai si trovano in commercio. 

trecce bicolore

Se i più venduti e consumati sono quelli classici (come penne e spaghetti), si affacciano sul mercato nuovi formati che possono rappresentare una variante a quelli che siamo abituati a cucinare abitualmente. 

Forme originali che molto spesso vengono contraddistinte anche da nomi che richiamano, appunto, gli oggetti da cui traggono la loro denominazione. 

Tendenzialmente si tratta di novità in grado di sostituire tranquillamente i classici formati, ma che in alcuni casi invece possono essere al centro di ricette appositamente studiate a causa della loro fisionomia.  

Ecco quindi una panoramica su quelli che sono i 6 formati di pasta più strani e originali del mondo, ma è importante dire da subito che in commercio se ne possono trovare molti di più che possono stimolare la fantasia degli appassionati di primi piatti. 

Leggi anche: Mangiare pasta senza ingrassare si può: ecco come

I 6 formati di pasta più strani e originali che ci siano

Se stai leggendo questo articolo è perché forse sei stufo di penne, spaghetti e fusilli (per quanto buoni) e vuoi sapere se esistono alternative originali ai formati che consumiamo più spesso. Ecco le nostre scelte.

Vesuvio

pasta Vesuvio di Gragnano

Questo è un formato di cui è abbastanza semplice intuirne l’ispirazione e l’origine. Si tratta di uno dei tipici formati di pasta di Gragnano igp, prodotti da quasi tutti i pastifici aderenti al consorzio.

Formato di pasta corta dalla forma elicoidale che ricorda il vulcano campano. Ideale per primi piatti a base di sugo o pesto.

Creste di gallo o Creste rigate

pasta creste di gallo

Ci troviamo davanti a un formato di pasta di dimensioni medie che, come dice il nome, è ispirata dalla forma di quella che è la cresta dei galli. 

È una pasta che si sposa perfettamente con ogni tipo di sugo, avendo una forma tubolare e i bordi seghettati: motivo per cui risultano ideali per essere conditi con il ragù, ma anche per essere utilizzate come pasta fredda nei mesi più caldi dell’anno. 

Radiatori o fisarmoniche

pasta radiatori

Tra i formati più originali che troviamo, ormai da tempo, negli scaffali dei supermercati ci sono i radiatori o fisarmoniche

Pasta che prende nome da un elemento della meccanica, dato che la sua forma trae ispirazione dal design di quelli che erano i vecchi termosifoni che si possono ancora trovare in alcune case. 

La loro conformazione cilindrica e ondulata permette ai radiatori di essere, al pari delle creste di gallo, ottima per sughi cremosi e ricchi. 

Dischi volanti

pasta dischi volanti

La tradizione vuole che questo formato di pasta, che prende ovviamente nome dal mondo dell’ufologia, sia stato inventato addirittura nel 1947 quando ci furono i primi avvistamenti di dischi volanti nei cieli americani. 

Gli avvistamenti avvenirono negli Stati Uniti, ma l’invenzione a quanto pare fu di un pastaio italiano e l’idea tramandata fino ai giorni nostri. 

Anche in questo caso abbiamo a che fare con una pasta di formato medio e che ha, per fortuna dei genitori, molto successo soprattutto tra i più piccoli proprio per la loro forma simpatica e originale. 

Ruote pazze

pasta ruote pazze cavalieri

Si tratta di uno dei formati che ha reso celebre in Italia prima e nel mondo poi, il pastificio Benedetto Cavalieri di Maglie, in provincia di Lecce.

Le ruote pazze, come nel caso dei radiatori, prendono nome e forma da uno degli elementi più importanti della meccanica: le ruote. 

Un formato (compreso di raggi e bordature)  che si adatta soprattutto a sughi leggeri, ma che riesce a dare un tocco divertente a ogni tavola vista la loro originale forma. 

Gigli, Campanelle o Riccioli

pasta gigli

Pasta che, molto probabilmente, appartiene alla cucina tipica toscana, visto che il giglio è anche il simbolo di Firenze, ma che si può trovare anche nelle altre regioni italiane. 

Questo formato, che ricorda appunto la forma di questo splendido fiore, si abbina perfettamente a ragu corposi (come quello di cervo).

Chiaro che la lista non è esaustiva, ma questi sono quelli che a noi hanno “stuzzicato” maggiormente, facci sapere nei commenti qual è il tuo preferito o se hai altri strani formati da suggerirci.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial