Come annusare il whisky senza affaticare l’olfatto

annusare il whisky

La sensibilità agli aromi e la capacità di cogliere profumi individuali non identificabili dal naso comune è un’abilità che la maggior parte dei bevitori di whisky vorrebbero possedere. 

Tuttavia, questa è un’abilità appresa attraverso la pratica e l’esposizione a diversi tipi di whisky su base regolare, nient’altro che allenamento, insomma. In altre parole, è qualcosa di assolutamente realizzabile.

Potrebbe interessarti anche: Whisky per iniziare: 5 etichette per principianti

Cos’è l’affaticamento olfattivo?

L’esperienza comune di perdere la sensibilità agli odori dopo aver “annusato” di continuo è nota come affaticamento olfattivo.

Per quanto forte sia il nostro sistema olfattivo, non possiamo fare a meno di perdere un po ‘di sensibilità ad esso di fronte a un flusso costante di odore. Ci adattiamo naturalmente al nostro ambiente ei continui stimoli olfattivi possono saturare il naso, rendendo il nostro sistema olfattivo più debole.

Fortunatamente la stanchezza olfattiva è un evento temporaneo che può essere dissipato e gestito adottando alcune tecniche differenti.

Il sistema olfattivo, o senso dell’olfatto, è semplicemente la parte del sistema sensoriale utilizzata per l’olfatto (olfatto).

Potresti vedere affaticamento olfattivo indicato come affaticamento degli odori, cecità del naso, esaurimento, perdita di sensibilità o adattamento olfattivo.

annusare il whisky

Allenare il naso è un esercizio divertente e piacevole che prevede di annusare frequentemente i whisky (evviva!), imparare a isolare i diversi odori e identificare gli aromi comuni legati a determinate botti e stili di whisky.

Quindi, che tu sia a casa, in una degustazione di club o in una giuria, ecco alcune considerazioni pratiche per salvaguardare la tua sensibilità olfattiva quando annusi numerosi whisky.

Potrebbe interessarti anche: Come conservare il whisky

Chicchi di caffè per resettare l’olfatto?

È stato a lungo pensato che l’odore dei chicchi di caffè calibrasse il tuo palato olfattivo. Tuttavia, secondo l’esperimento del 2011 condotto dal dottor Alexis Grosofsky, questo non è proprio così.

Il suo esperimento ha esposto i soggetti a tre diverse fragranze di alta moda. Poi hanno sentito odore di aria fresca, chicchi di caffè o fette di limone. Successivamente, hanno ricevuto le stesse tre fragranze più una nuova e hanno dovuto identificare quale fosse la nuova fragranza.

I risultati hanno rivelato che il gruppo di soggetti che odorava aria fresca o fette di limone aveva un tasso di successo quasi identico a quelli che sentivano l’odore dei chicchi di caffè, suggerendo che i chicchi di caffè non avevano alcun ruolo benefico nell’evitare l’affaticamento olfattivo.

Acquistare whisky online

Un ultimo consiglio per evitare la stanchezza olfattiva … annusa te stesso!

È ampiamente riconosciuto che annusare la propria pelle (non profumata e normalmente alla curva del gomito), è uno dei modi più efficaci per ripristinare il sistema olfattivo.

A causa della continua esposizione, la tua sensibilità olfattiva all’odore della tua pelle è notevolmente ridotta, il che fornisce la linea di base perfetta contro la quale devono competere altri odori olfattivi. Provalo.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial