Qual è la migliore pasta di Gragnano?

La pasta di Gragnano igp è di per sè un “brand” che garantisce una buona qualità media grazie ad una tradizione secolare e ad un disciplinare di produzione che stabilisce alcuni obblighi da rispettare per ogni produttore.

Come molti disciplinari di produzione, anche quello della pasta di Gragnano lascia un discreto margine di manovra ai produttori, lasciando decidere loro che tipo di prodotto realizzare. Più o meno industriale, di qualità più o meno alta.

pasta di Gragnano

I punti deboli del disciplinare di produzione

Il disciplinare di produzione, purtroppo, non disciplina l’origine delle semole da utilizzare lasciando decidere ai produttori se utilizzare grano duro italiano, canadese, australiano o di qualsiasi altra parte del mondo.

La fase di essiccazione della pasta è estremamente importante per ottenere un prodotto di alta qualità. Il disciplinare di produzione è stato recentemente modificato affinchè fosse più “flessibile” in questo aspetto, passando da un minimo di 6 ore a 4 ore di essiccazione.

In questo modo si è andati incontro alle esigenze di alcuni produttori che chiedevano di abbreviare i tempi di produzione a discapito della qualità generale del prodotto finito.

Inoltre, la temperatura di essiccazione, prevede una forbice molto ampia che può variare tra i 40 e gli 85°, anche qui viene lasciata ampia discrezionalità che permette di ottenere prodotti qualitativamente diversi tra i vari produttori.

Complessivamente, quindi, sotto l’ombrello della “pasta di Gragnano igp” ci sono prodotti semi-industriali o comunque molto vicini a questa definizione e prodotti davvero artigianali, ottenuti da micro pastifici che lavorano senza forzature, senza industrializzazioni di processo, e utilizzando le migliori materie prime sul mercato, interpretando l’autentica tradizione dei pastai gragnanesi di una volta.

Chiaramente chi produce con gli standard minimi indicati dal disciplinare, ovvero gli stessi che hanno spinto per renderlo ancor meno “rigido”, non gradiscono queste distinzioni, tant’è che ufficialmente non è consentita la dicitura “pasta di Gragnano artigianale”, poichè fa comodo che il consumatore abbia l’impressione di acquistare prodotti identici, a prescindere dal produttore.

Ecco, quindi, che la domanda relativa a quale sia la migliore pasta gragnanese, ha assolutamente senso poichè la pasta di Gragnano non è affatto tutta uguale.

Quindi qual è la migliore pasta di Gragnano?

Fortunatamente ci sono ancora diversi produttori “artigiani” che si preoccupano esclusivamente di tenere alta la qualità, pertanto, indicare un nome soltanto sarebbe poco corretto, oltre che assolutamente opinabile.

Noi abbiamo scelto di selezionare tra questi ultimi nostalgici dell’alta qualità, due piccoli pastifici che secondo noi, producono dell’eccellente pasta di Gragnano igp.

pasta di Gragnano online

Lavorano esclusivamente semole molite in Italia da grano coltivato in italia. Essiccazione a circa 40-45° per un minimo di 18 ore fino a 60 ore per i formati lunghi. Gran parte delle lavorazioni manuali e maniacale attenzione al rispetto della tradizione.

Il risultato è, secondo il nostro parere, tra i migliori ottenibili.
Alcuni sarenno d’accordo, altri no. Noi ti invitiamo a fare un test e a dirci se sei d’accordo con noi.

Leggi anche: Come evitare di rompere i paccheri in cottura

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial