Quali marche di pasta di Gragnano utilizzano solo grano italiano?

La pasta di Gragnano è una delle prelibatezze della cucina italiana che tutto il mondo ci invidia e che, ormai, è possibile acquistare sugli scaffali dei grandi supermercati di piccole e grandi città. 

Come sappiamo, infatti, il consumo di pasta è sempre in crescita anche al di fuori dei nostri confini nazionali, ma molto spesso dietro questo successo si possono nascondere delle trappole e delle insidie non da poco. 

Dato che la pasta di Gragnano è un prodotto che deve sottostare a un serie di regole che riguardano gli ingredienti e i metodi di produzione, per ottenere le certificazioni IGP e PAT, diamo spesso per scontato di comprare un prodotto sempre all’altezza del nome che porta. 

mietere il grano

Purtroppo, invece, non mancano marchi di pasta che sfruttano la dicitura pasta di Gragnano per attirare il cliente, non garantendo però quella che è una delle caratteristiche basilari, ovvero la produzione a partire da grani italiani e, meglio ancora, della zona limitrofa a Gragnano. 

Sono diverse, infatti, le marche che utilizzano grani provenienti da paesi UE o extra UE, a fronte di alcuni produttori che invece usano solo grani italiani. 

La Legge, in merito all’argomento, impone a partire dal 2018 di riportare in etichetta la provenienza del grano, per consentire ai consumatori finale di essere informati su quella che è l’origine del grano utilizzato per la produzione del prodotto che andranno a consumare. 

Regole che sarebbero dovute cambiare ad aprile dello scorso anno, ma che a causa della pandemia in corso, sono rimaste inalterate fino ai giorni nostri. 

Leggi anche: Come si produce la pasta di Gragnano

Pastifici di Gragnano che usano 100% grano italiano

Nel momento in cui stiamo per acquistare una confezione di pasta di Gragnano, nel supermercato della grande distribuzione così come nella bottega sotto casa, è quindi importante sapere qual’è l’origine del grano utilizzato. 

Non tutti i consumatori prestano attenzione a questa informazione, ma molto spesso dietro a un pacco di pasta di Gragnano igp (come per tutti gli altri tipi di pasta) possono esserci sorprese mascherate da pubblicità ingannevoli e diciture poco chiare. 

L’utilizzo di soli grani italiani, infatti, molto spesso può giustificare un prezzo mediamente più alto rispetto a marche che usano materie prime arrivate da paesi europei e non. 

Ecco quindi alcune marche di pasta, in questo caso specifico di Gragnano, che utilizzano solo grani coltivati in Italia, indipendentemente dalla produzione artigianale o industriale. 

pasta di Gragnano online

Tra le marche che usano materia prima italiana troviamo Afeltra, pastificio artigianale dal 1848, ma anche il Pastificio Antiche Tradizioni di Gragnano

Altri esempi sono quelli del Pastificio Antonio Massa che fa parte del Consorzio di Tutela della pasta di Gragnano, così come il Pastificio Carmiano.

Nell’elenco troviamo anche la pasta D’Aniello, prodotta esclusivamente con semole da grani campani a filiera corta, e la Ducato D’Amalfi.

Completano l’elenco (alla quale sarà sfuggito sicuramente qualche nome: la Fabbrica della Pasta di Gragnano, Pastificio Faella, Gentile, Gerardo Di Nola, Pastificio dei Campi e Mulino di Gragnano.

Questa è solo una parte delle marche che utilizzano solo grano italiano, ti invitiamo a leggere attentamente l’etichetta riportata sulle confezioni per verificare l’origine dei grani utilizzati.

Leggi anche: Storia e origini della pasta di Gragnano

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial