Straccetti di Pollo alla Birra Primatia, Senape, Ginepro e Timo

Che la birra trovi largo uso in cucina è scontato, che si abbini perfettamente al pollo lo è ancora di più.  Il pollo alla birra lo preparo molto spesso, ma ho sempre utilizzato birre leggere, bionde e a bassa gradazione alcolica.  Qualche tempo fa, invece, ho assaggiato la Birra Artigianale Primatia, del birrificio pugliese Birranova, che mi ha lasciato davvero di stucco.  La Primatia è una birra scura doppio malto ad alta fermentazione, prodotta con mosto d’uva e fichi secchi: una birra che non ti aspetti, piena, morbida e aromatica, con evidenti note di fichi secchi ed una gradazione alcolica che raggiunge il 9% vol.  Ho provato ad utilizzarla in cucina e non ha deluso le mie aspettative, donando carattere al piatto.

Birra Artigianale Primatia - Birrificio Birranova

STRACCETTI DI POLLO ALLA BIRRA ARTIGIANALE PRIMATIA, SENAPE, GINEPRO E TIMO FRESCO

Ingredienti (per 2-3 persone):

300 g di Petto di pollo tagliato a straccetti
1 bicchiere di Birra artigianale Primatia del Birrificio Birranova
1 noce di burro
1/4 di scalogno
1 cucchiaino di Senape gialla macinata
1 cucchiaino di bacche di Ginepro
1 cucchiaio raso di farina
un paio di rametti di Timo fresco
sale e pepe q.b.

Pollo_birra-firma

Preparazione:

In una casseruola, fate sciogliere il burro e poi fate imbiondire lo scalogno tagliato finemente.  Aggiungete gli straccetti di pollo precedentemente salati e fateli risolare nel burro su tutti i lati.  A questo punto, versate la birra Primatia e fate sfumare bene a fiamma alta.  Dopo aver fatto evaporare tutto l’alcool, abbassate la fiamma, aggiungete la senape e fate cuocere per 15-20 minuti con il coperchio, aggiungendo altra birra qualora sia necessario.  Poco prima di spegnere la fiamma, aggiungete il ginepro, pepate a piacere ed aggiungete la farina setacciata.  Mescolate per far addensare la il fondo di cottura e creare una sorta di “cremina”.  Spegnete il fuoco, versate il tutto in un piatto da portata ed impreziosite con dei rametti di timo fresco.

Se l’articolo ti è piaciuto, metti Like e condividilo sui social:
2 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial