Cinque scotch whisky per quelli a cui non piace la torba

Ancora oggi, nel nostro tempo ossessionato dalla torba, ci sono molti Scotch Whisky che offrono un sapore pieno senza il sentore affumicato del malto torbato. Ecco cinque whisky scozzesi che dimostrano che non devi amare la torba per amare lo scotch.

Whisky non torbati

Glenkinchie 12

Glenkinchie 12

Questa distilleria di single malt delle Lowlands non è lontana da Edimburgo, ma il suo sapore fresco, luminoso e ricco di noci sembra ben diverso dalle superfici fuligginose di Edimburgo. 

Morbido e dolce, con note di miele e caramello, questo malto dal corpo leggero ma saporito è un’ottima scelta per le persone che amano i bourbon morbidi come Maker’s Mark o i whisky irlandesi.

Mortlach 16

Mortlach 16

Mortlach è una distilleria dello Speyside che imbottiglia alcuni suoi single malt decisamente atipici per la zona. Si tratta di distillati molto corposi, decisamente “strong” pur non utilizzando malto torbato.

Il 16 anni è corposo, ricco, un po’ salato ed ha un finale lungo e sapido. Al palato offre vaniglia, mandorla, e un accenno di brillante scorza di limone. È un’eccellente espressione di un classico profilo scozzese, complesso e al tempo stesso, facile da gustare.

Glenfarclas 15

Glenfarclas 15

Glenfarclas esiste dal 1836 e sono gli orgogliosi proprietari dei più grandi alambicchi nella regione delle Highland. Il whisky Glenfarclas viene invecchiato esclusivamente in botti ex sherry, la maggior parte dal produttore José-Miguel Martin.

Si tratta di uno speysider (anche se in etichetta riporta Highland) leggero, fruttato, energico, inebriante, ricco. Sveglia il palato e chiede di essere ascoltato. 

La nota di marshmallow è inquietante e in alcuni punti prevale sul resto del whisky, ma nel complesso riacquista il suo equilibrio, anche se con un finale non particolarmente lungo. Rapporto qualità-prezzo decisamente ottimo.

Glenfiddich 15

Glenfiddich 15

Per questa Solera di 15 anni di Glenfiddich immensamente popolare, la distilleria lavora con whisky invecchiati separatamente in botti di sherry di rovere europeo e botti di rovere americano (parte delle quali viene poi finito per 3-6 mesi in botti di rovere vergine). 

Questi tre componenti vengono poi versati in un’enorme vasca Solera, un tino Douglas Fir da 37.000 litri ispirato alle cantine di sherry della Spagna.

La vasca Solera (utilizzata per la prima volta nel 1998) non viene mai svuotata. Ogni volta che prelevano del whisky (mai più del 50%), viene nuovamente riempita con nuovo whisky.

Approfondisci anche: Whisky torbato: cos’è, come si produce e quali sono i migliori

Dalla vasca Solera il whisky passa a Solera Tuns (circa 2.500 litri) per un ulteriore periodo di decantazione di almeno 3 mesi, un metodo utilizzato da Glenfiddich per tutti i suoi whisky.

Offre un bel mix di note fruttate (mele, agrumi) e spezie (zenzero, chiodi di garofano, cannella). Vaniglia e uvetta, oltre a sottili note di nocciola. Leggermente aspro con un tono legnoso sullo sfondo. Nel complesso piuttosto asciutto ed elegante.

Macallan 12 Triple Cask

Macallan 12 Triple cask

Macallan è un whisky single malt di fama mondiale. La distilleria è stata una delle prime con licenza legale della Scozia quando è stata fondata nel 1824 da Alexander Reid, un coltivatore di orzo e insegnante, e combina tradizioni di distillazione americana, spagnola e scozzese. 

Le botti sono fornite da un’azienda nel nord della Spagna che lavora con The Macallan per identificare le querce più pregiate della foresta prima dell’abbattimento. Nella distilleria Macallan, vengono utilizzati alcuni dei più piccoli alambicchi della regione per garantire un maggiore contatto con il rame, massimizzando la natura corposa e fruttata del whisky.

Leggi anche: Degustazione attraverso le Lowlands: quattro distillerie da provare

Il Triple Cask Macallan di 12 anni profuma anche di spezie cotte e vaniglia, con suggestioni di cioccolato bianco che emergono. Al palato, ha note inconfondibili di zenzero fresco accanto a frutti di bosco, caramello, pepe nero e ricco cacao, il tutto sposato per una bevanda matura e sofisticata. Il miele spinge delicatamente il dram in un finale persistente. Eccellente.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial