Perchè “donne e whisky” non è poi così strano

Il whisky è una bevanda che di solito viene identificata con gli uomini (e solitamente di una certa età). Non è la prima volta che il barista (o la barista) guarda sorpreso quando una donna ordina un whisky o un cocktail a base di whisky. “Donne e whisky, che strana combinazione” pensano spesso.

Helen di Bushmills

Eppure pochi sanno che molti dei marchi di whisky che conosciamo e amiamo sono nati, in gran parte, da donne. Non sanno nemmeno che, attualmente, ci sono diverse donne che guidano il settore.

Donne e whisky: la storia fino ad oggi

Furono le donne a inventare la birra intorno al 4000 aC Maria Hebraea, un’alchimista i cui primi scritti compaiono nel IV secolo, fu una delle prime a costruire un alambicco.

Da allora ha piovuto molto, ma non è restato l’unico esempio. La storia del whisky è piena di donne che hanno contribuito a rendere questo distillato quello che è ora.

Nel 1811 Helen Cumming divenne la prima donna al mondo a dirigere una distilleria di whisky . Fu lei a fondare la distilleria Cardhu, che in seguito sarebbe diventata anche la base della creazione di Johnnie Walker. Quando è morta, è stata sua nuora, Elisabeth Cumming, a rilevare la distilleria.

Quando Patrick Corregan , proprietario della Bushmills Distillery , morì nel 1856, lasciò la distilleria alle cure della sua amata moglie, Ellen Jane. È stata lei a consolidare la distilleria, aumentando la produzione del 25% (oltre 75.000 litri).

Nel 1934, Bessie Williamson ha accettato un lavoro a Laphroaig come segretaria. A quel tempo, non aveva idea che sarebbe diventata la “First Lady of Scotch” . Non solo ha impedito che la distilleria Islay venisse rilevata dai militari, ma ha anche fatto sì che gli americani preferissero un single malt a una miscela scozzese.

Negli anni ’50, Marge Samuels spinse suo marito a creare una distilleria di whisky. Ma non fu tutto ciò che fece. Si è occupata della creazione della bottiglia, alla quale ha aggiunto la cera per sigillare il tappo, perché ha evidenziato il concetto di un prodotto artigianale. Ha anche dato il nome al whisky: è nato Maker’s Mark.

Leggi anche: Comprendere il whisky giapponese in 5 mosse

Le donne ed il whisky oggi

Diverse donne lavorano attivamente nell’industria del whisky scozzese. Dal reparto marketing e vendite ai reparti di miscelazione e creazione di whisky. Alcuni di loro sono gli artisti dietro i tuoi whisky preferiti.

Forse la più conosciuta è Rachel Barriel’attuale Whisky Maker di BenRiach. Barrie ha aperto le porte a molte donne in questo settore. È responsabile, in gran parte, della rinascita di Ardbeg , nonché del successo di varie espressioni di Bowmore o Auchentoshan.

Hellen Mulholland è un altro esempio di donne produttrici di whisky.  Dopo diversi anni di duro lavoro e dedizione, nel 2007 è diventata la prima Master Blender donna di Bushmills.

Il consumo di whisky tra le donne è maggiore di quanto normalmente si immagini. Negli Stati Uniti, ad esempio, il 37% dei consumatori di whisky sono donne.

Christina Hendricks e Johnnie Walker

Hanno iniziato rilasciando whisky più floreali e dolci, o strani ibridi come Jack Daniel’s Honey o Fireball whisky . Tuttavia, i dati hanno dimostrato che le donne preferiscono sapori più autentici.

Quindi, ci sono state diverse campagne promozionali con le donne come standard, una prospettiva diversa per avvicinarsi al pubblico femminile. Anche serie come Mad Men o How I Met Your Mother sono state fondamentali per dimostrare che il whisky non è solo la bevanda di un uomo.

Un esempio di ciò è che Diageo ha scelto Christina Hendricks , una delle attrici di Mad Men, per promuovere Johnnie WalkerÈ classico. È audace. È Johnnie Walker e l’hai chiesto tu “si leggeva nell’annuncio. Nel 2013 Jim Beam ha anche deciso di avere un’attrice, in questo caso Mila Kunis, come ambasciatrice del marchio.

Questa strategia sembra funzionare per loro, nel 2016 Diageo ha deciso di continuare a scommettere su di essa con la sua campagna Love Scotch. Da allora Coco Rocha, una modella, è stata ambasciatrice dei whisky scozzesi per la multinazionale.

Leggi anche: Come l’acqua influisce sul whisky

Le cose stanno cambiando

A poco a poco, sembra che le cose stiano cambiando. Sebbene sia vero che l’industria del whisky scozzese non fa distinzione tra uomini e donne, abbiamo ancora difficoltà a trovare una donna che ordina un whisky. 

Donne con whisky

Ancora una volta la frase “Donne e whisky, che strana combinazione” viene in mente a molti. Diversi studi dimostrano che alle donne non solo piace il whisky, ma lo gustano meglio. Il problema, in questo caso, è l’ignoranza causata, in gran parte, dai pregiudizi o dalle comunemente chiamate “regole del whisky”

Associazioni come Women who whisky negli Stati Uniti o Women Whisky Lovers in Argentina stanno lavorando attivamente per cambiare questa prospettiva.

Ecco perché ti invito a condividere la magia del whisky con le donne intorno a te. Discuti gli aneddoti sulle donne che hanno creato e creano questo distillato

Spiega cosa c’è di speciale in quel momento in cui hai un whisky solo per riflettere, mentre apprezzi ogni sua sfumatura. Dopo tutto, una delle parti migliori del whisky è condividerlo.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial