5 whisky senza coloranti artificiali

Ultimo aggiornamento 3 Giugno 2022

Nonostante il whisky sia un prodotto naturale, molti scotch vengono addizionati con caramello (E150) prima dell’imbottigliamento. Molti consumatori si chiedono quale sia lo scopo di questa colorazione artificiale. Di seguito tutto quello che c’è da sapere sul caramello ed un breve elenco di whisky senza coloranti che vale la pena provare.

In realtà esistono molti scotch whisky dalla colorazione naturale, abbiamo scelto alcune etichette che hanno molto da offrire anche in termini di gusto e profumo.

Glenfarclas 15 anni

I whisky Glenfarclas sono apprezzati da molti intenditori: perché la distilleria a conduzione familiare di Speyside è sinonimo di single malt di ottima qualità che vengono venduti senza l’aiuto del marketing. Tutti i loro whisky vengono sempre imbottigliati non colorati e non filtrati. Nel caso di Glenfarclas 15 anni con una gradazione alcolica di almeno il 46%.

Nella degustazione, il Glenfarclas 15 anni ti mostra aromi fruttati-speziati. Si riconoscono scorza d’arancia, datteri e uvetta. Inoltre, note di cioccolato alle nocciole e un pizzico di pepe nero. Il finale del single malt è accompagnato da complesse note di rovere, ben integrate.

Highland Park 12 anni

Highland Park è la distilleria più settentrionale della Scozia. I single malt vengono distillati nelle Isole Orcadi, che sono caratterizzate da aromi fini e affumicati e dalla notevole influenza delle botti di sherry. L’Highland Park 12 Year Old è un whisky leggermente affumicato senza coloranti artificiali ma si ritiene che sia filtrato.

L’Highland Park 12 anni convince con una miscela equilibrata di fumo leggero e note dolci di pere, miele e pompelmo. Nel finale si può assaporare una fine nota di rovere. Un ottimo single malt per principianti.

Benromach 10 anni

I whisky di Speyside vecchio stile sono prodotti a Benromach, sulla costa scozzese. Il segreto del sottilmente fumoso Benromach di 10 anni sta nell’orzo, leggermente torbato. Anche l’invecchiamento in botti di bourbon e botti di sherry contribuisce al pieno carattere del single malt. Il single malt viene imbottigliato senza colorante in qualità non filtrata.

In bocca, il Benromach 10 è attraversato da aromi speziati e legnosi. Albicocche secche e scorze d’arancia incontrano ribes nero, noci e pane tostato. Il finale del whisky naturale Speyside è secco, leggermente frizzante e caratterizzato da sottili note di carbone.

Aberlour A’Bunadh

Ad Aberlour nello Speyside, in Scozia, da anni producono uno dei whisky in botte di sherry più popolari. L’A’Bunadh (gaelico per “dall’origine)” colpisce per il suo imbottigliamento in botte con quasi il 60% di alcol e viene rilasciato non filtrato e senza coloranti in lotti individuali.

Il tempo di maturazione nelle botti di Oloroso caratterizza il gusto  dell’Aberlour A’Bunadh: La sensazione in bocca morbida e allo stesso tempo secca si apre a potenti aromi. Assaggiamo fichi secchi e prugne, scorze d’arancia oltre a cioccolato fondente e caramello. È presente anche l’uvetta. Il finale è speziato, secco e attraversato da sottili aromi di sherry acidulo.

Big Peat

Un malto blended di grande corpo proveniente da Islay. Comprende single malt di Caol Ila, Bowmore, Ardbeg e Port Ellen. Big Peat è un ottimo whisky con un sacco di carattere torboso, come già il nome lascia presagire.

All’olfatto Big Peat emana calde sensazioni di torba piccante. Sentori di cioccolato, caffè e cedro con spezie, noci e mandorla. Un tocco di cannella con fumo oleoso. Il palato è semplice, disinvolto, ma delizioso. Note di fumo intenso, erba tagliata, arachidi, spezie e torba, termina con note costiere e tanto fumo.

Perchè i whisky vengono colorati artificialmente?

Proprio come le miscele, i whisky single malt sono composti da un gran numero di botti. Durante gli anni di conservazione, ogni singolo whisky nella botte assume un colore diverso.

La differenza tra i diversi tipi di botti può essere vista in modo particolarmente chiaro:

  • Le botti ex Bourbon spesso conferiscono al whisky una leggera sfumatura dorata
  • Le botti di sherry conferiscono al whisky una tonalità significativamente più scura, in parte rossastra

Il tempo di conservazione gioca un ruolo importante in questo caso, ma anche la frequenza con cui un fusto è già stato riempito. Le botti di primo riempimento spesso rilasciano molto più colore rispetto alle cassette che sono state utilizzate più di una volta.

Quando si compone un single malt o una miscela, a volte si sposano diverse centinaia di botti con le loro diverse sfumature di colore. Sebbene le quantità coinvolte siano grandi, non si può escludere del tutto che ogni lotto di whisky finisca con una tonalità leggermente diversa.

Aggiungendo caramello (E150) il colore del whisky può essere unificato in modo che ogni bottiglia sullo scaffale del rivenditore sia identica. I produttori sostengono che questo è anche nell’interesse dei clienti, che presuppongono una qualità costante dietro una combinazione di colori costante. 
L’uso del caramello per colorare il whisky è puramente per ragioni estetiche.

Acquistare whisky online

L’uso del caramello inganna i consumatori?

Tuttavia, l’uso del caramello appena descritto è solo uno degli aspetti da considerare. In effetti, molte distillerie di whisky usano anche il colorante per rendere i loro imbottigliamenti più attraenti.

Molti consumatori associano il colore direttamente alla maturità di un whisky:

  • I whisky scuri sembrano più vecchi e ci si aspetta un gusto più intenso.
  • I whisky chiari sembrano più giovani, da questi ci si aspetta un gusto più leggero.

In realtà, il colore ha poco a che fare con i sapori e il carattere effettivi del whisky. La qualità di un whisky non può essere dedotta dal solo colore.

Ad esempio, colorando un whisky, le distillerie possono far sembrare un whisky più giovane significativamente più vecchio e più maturo. La vista del consumatore associa e trasferisce il colore scuro all’olfatto e al gusto. In questo senso, l’uso del colorante ha un effetto di promozione delle vendite.

Leggi anche: L’età del whisky è solo una faccia della medaglia

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial