Whisky giapponese: ecco tutto quello che devi sapere

Il whisky giapponese è uno dei malti più brillanti e complessi in circolazione. Compete con il whisky scozzese in termini di qualità e stile ed ha, ormai, diversi riconoscimenti che attestano la sua qualità.

whisky giapponesi

Le origini del whisky nipponico

Tutto iniziò nel 1923, quando Masataka Taketsuru aprì la distilleria Yamazaki. Taketsuru era cresciuto nel birrificio di famiglia, che si è trasformato in una passione per la distillazione e nell’arte di fare il whisky

Ha trasformato questa passione in azione intraprendendo chimica in Giappone, prima di andare all’Università di Glasgow per approfondire i suoi studi. Qui è stato apprendista in diverse distillerie e la passione per il whisky è cresciuta.

Nel 1919 Taketsuru si ritrovò alla Longmorn Distillery e qui imparò molto su come distillare il malto perfetto.

Ritornato in Giappone nel 1920, prese molte lezioni con sé, così come una moglie, Rita, la cui famiglia era rimasto con Taketsuru ha trasformato il suo apprendimento in successo quando ha avviato Nikka Whisky e ha aperto la prima distilleria giapponese a Yamazaki. 

Si dice anche che abbia ricreato gli alambicchi a Longmorn nella sua distilleria, alambicchi che continuano ad essere usati oggi.

Il mercato del whisky giapponese oggi

In questo momento ci sono nove distillerie in Giappone. Vendono in tutto il mondo e rappresentano certamente il più grande sfidante dello Scotch whisky e la sua notorietà per essere il miglior whisky. 

Tuttavia, non è sempre stato così. È solo negli ultimi due decenni che il whisky giapponese viene apprezzato anche al di fuori del Giappone. E gran parte di questa fama dipende da quanto riesce a vincere premi.

Nel 2003 Yamazaki 12 Year Old di Suntory è stato premiato con la medaglia d’oro all’International Spirits Challenge nel Regno Unito, è stato il primo whisky giapponese a ricevere un tale riconoscimento, trasformando la percezione del whisky giapponese in tutto il mondo che ora è riconosciuto per la sua qualità.

Da lì è decollato e la sua popolarità è aumentata a tal punto che ora vi è una carenza in tutto il mondo.

Circa 20 anni fa, il whisky giapponese non era poi così popolare e, per cui le distillerie non avevano pianificato che in futuro sarebbe volato via dagli scaffali.

Ciò ha portato Nikka a interrompere le espressioni con dichiarazioni di età, come come Hibiki di 17 anni e Hakushu di 12 anni. 

Ciò significa che le richieste sono troppe rispetto alla disponibilità di whisky invecchiato, ma cosa rende il malto giapponese così diverso e affascinante rispetto agli altri whisky?

Armonia del sapore

I concetti di armonia ed equilibrio sono essenziali nell’esperienza del whisky giapponese. Sono temi importanti nella creazione del malto giapponese e riflettono la cultura giapponese.

C’è il desiderio di catturare un equilibrio tra il liquido e il sapore, la struttura e la maturazione sono parti importanti del whisky giapponese, quindi è più comune per i marchi giapponesi utilizzare alambicchi Coffey, piuttosto che alambicchi in vaso. Questo crea un malto più dolce e sviluppa più sapori dal chicco.

nikka coffey Malt

Gli alambicchi Coffey sono più efficienti degli alambicchi in vaso poiché l’alimentazione del malto è costante anzichè in lotti. Il malto è anche più puro e ha un gusto più morbido, poiché il grado alcolico è di circa il 90%, risultando nell’armonia e nell’equilibrio che molti marchi giapponesi cercano di creare.

Un eccellente esempio di come i giapponesi usano bene i loro alambicchi Coffey è il Coffey Malt di Nikka. Questo whisky è incredibilmente morbido e ricco di sapore, in particolare vaniglia e cereali maltati.

Ha un gusto morbido con una consistenza untuosa che si sposa molto bene con i sapori audaci e dolci. La sensazione in bocca completa perfettamente il gusto, lavorando per esaltare davvero i sapori più morbidi.

Leggi anche: Whisky economici: i migliori a meno di 50 euro

Sapori bilanciati

Un altro importantissimo aspetto dei whisky giapponesi sono i sapori bilanciati.

Questa caratteristica è rappresentata al meglio nell’espressione Hibiki Japanese Harmony. Questa miscela è al centro della gamma Hibiki di Suntory, che è una selezione di malti miscelati. 

Con le miscele, l’idea di armonia è ancora più importante da catturare, poiché i malti utilizzati devono lavorare in tandem per creare una miscela che funzioni.

L’espressione Hibiki Japanese Harmony è l’idea di armonia in forma liquida.Fatto da malti che sono stati invecchiati in una gamma di botti tra cui botti di rovere americano, Mizunara (rovere giapponese) e Sherry, questo dram è l’unione di diversi sapori e consistenze. 

È fatto eccezionalmente bene, con tutte le diverse note che si completano a vicenda, piuttosto che lottare per l’attenzione.

L’Hakushu 12 Year Old è anche un meraviglioso esempio di malto giapponese e di ricerca dell’armonia dei sapori. Ha vinto numerosi premi e riunisce alcuni dei migliori profili aromatici nella distillazione giapponese.

È terroso ed elegante, con molte note dolci di caramello, combinate con ricchi sapori erbosi. Ci sono anche frutti di frutteto e note di quercia, con un meraviglioso sapore di affumicato in sottofondo.

I sapori si rimbalzano l’un l’altro senza essere in conflitto. Lavorano insieme per portare davvero una sensazione a tutto tondo al malto.

Leggi anche: 10 curiosità sul whisky

L’evoluzione

L’industria giapponese del whisky potrebbe aver iniziato con molta influenza da parte dei produttori scozzesi, ma da allora molto è cambiato. Oggi hanno processi produttivi molto diversi dai produttori scozzesi.

Tipicamente nelle distillerie giapponesi, producono solo mosto chiaro. Questo contiene meno lipidi di quelli che si trovano nel mosto torbido. I lipidi producono un sapore tendente alla nocciola, il whisky giapponese spesso non ha questo tipo di profilo aromatico.

E mentre le botti di rovere europee e americane sono le più comuni utilizzate nei paesi produttori di whisky scozzese, le distillerie giapponesi utilizzano prevalentemente botti di rovere giapponese. 

Il rovere giapponese è più poroso e più morbido di altri tipi di quercia e quindi non viene utilizzato tanto, poiché è soggetto a maggiori percentuali di Angel’s Share.

Il profilo aromatico dei giapponesi è più morbido, con note più fragranti e aromatiche. Inoltre, non è raro che le distillerie abbiano il proprio ceppo di lievito. Suntory ha un lievito personalizzato chiamato suntoryeus lactobacillus.

Il lievito è uno degli ingredienti chiave nella produzione di whisky ed ha un effetto sul sapore. Molta enfasi è posta sul tipo di lievito utilizzato in giappone.

Spesso i distillatori giapponesi usano anche più di un tipo di lievito, il chè non è affatto comune in posti come la Scozia. Questo mira a ottenere la migliore fermentazione possibile, consentendo il rilascio di tutto il sapore del grano.

Whisky blended giapponesi

Le distillerie in Giappone in genere eseguono il processo di miscelazione internamente, piuttosto che miscelando malti provenienti da altre distillerie, il che significa che le gamme di miscele hanno più diversità e variazioni rispetto a molte distillerie in Scozia o in Irlanda.

Ciò riporta il controllo nelle mani dei mastri distillatori e consente una maggiore sperimentazione mixando tipi di distillazione, fermentazione e maturazione.

Acquistare whisky online

Se ti stai chiedendo che sapore abbia l’armonia in un bicchiere, allora è arrivato il momento di provare un buon whisky giapponese!

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial