Calzoni di Pezzente della montagna materana e fagioli di Sarconi IGP “San Michele rosso”

Calzoni-pezzente-fagioli-sarconiScritto da Angela

Questa ricetta è venuta fuori da un paio di input. In primis, un contest stupendo lanciato da Giulia (Juls’ Kitchen) dal titolo “Se tu fossi una ricetta…”.  Sebbene abbia lanciato prioprio io un contest enogastronomico venerdì scorso (l’avete letto? Visto che premio? ;)), volevo assolutamente partecipare a quello della mia cara amica toscana perché, credo, che noi che scriviamo sempre sul cibo, scegliamo le ricette da pubblicare sulla base di ciò che più ci rappresenta.  Perché dietro ogni blog, dietro ogni post, ogni singola ricetta c’è sempre una persona, con i suoi sentimenti e le sue emozioni.  Ed io credo di esserne l’esempio più lampante: nonostante scrivo in un blog “aziendale” non riesco a nascondere (né voglio farlo ;)) quella che sono, la mia personalità, le mie passioni, le mie paure.  E sono contenta che mi apprezziate per questo…  Così, quando ho letto di questo contest mi è subito venuta in mente questa ricetta.  Forse perché qualche giorno fa sono andata con i miei cognati al ristorante Baccanti di Matera per decidere il menù per il battesimo del mio primo nipotino: come primo ha proposto proprio questo.  A dir la verità, il propietario parlava di ravioli ma io, ho pensato ai calzoni perché sono più tipici della mia terra! Ovviamente non gli ho chiesto la ricetta, ho cercato di immaginarla e…è venuta fuori questa delizia!  Alla fine vi spiegherò perché ho scelto proprio questa ricetta e perché mi rappresenta così tanto…

CALZONI DI PEZZENTE DELLA MONTAGNA MATERANA (PRESIDIO SLOW FOOD) E FAGIOLI DI SARCONI IGP (ECOTIPO “SAN MICHELE ROSSO”)

Ingredienti (per 5/6 persone):

Per i calzoni:

500 gr di Semola di grano duro Senatore Cappelli

3 uova

1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

acqua q.b. (dipende dalla grandezza delle uova; a me ci son voluti 50 gr d’acqua)

Per il ripieno:

100 gr di Pezzente della montagna materana (Presidio Slow Food)

150 gr di prosciutto cotto

2 cucchiai di pecorino grattugiato poco stagionato

1 uovo piccolo

prezzemolo q.b.

una punta di peperoncino piccante in polvere (facoltativo, se lo volete un po’ piccante)

Per il condimento:

400 gr di Fagioli di Sarconi IGP ecotipo “San Michele rosso”

1/2 cipolla

7/8 pomodorini ciliegina

sale, olio evo, prezzemolo q.b.

Procedimento:

La sera precedente, Formatura calzoniammollate i fagioli di Sarconi San Michele rosso in acqua fredda.

Preparate i calzoni.  Setacciate la farina a fontana e aggiungete le uova, uno ad uno, impastando gradualmente.  Dopo aver fatto assorbire le uova, aggiungete l’olio evo, poi un po’ d’acqua tiepida e impastate fino ad ottenere un panetto consistente.  Aggiungete pochissima acqua per volta: se l’impasto è troppo idratato avrete difficoltà a stendere la sfoglia.  Coprite il panetto con della pellicola e lasciate riposare per una mezz’oretta.

Mentre attendete che passino i 30 minuti preparate il ripieno.  Fate frullare, in un mixer, il pezzente della montagna materana ed il prosciutto.  Trasferite il tutto in una scodella, unite il pecorino grattugiato, il prezzemolo fresco fatto a pezzettini e, infine, aggiungete l’uovo.  Lavorate con le mani per legare il tutto.

A questo punto potete formare i calzoni.  Prendete un pezzo di impasto dal panetto e, con l’aiuto di una macchina per la pasta, stendete una sfoglia sottile: prima mettete la manopola ad apertura 4 per lisciare la sfoglia, poi spostatela a 7/8 per renderla più sottile.  La sfoglia deve avere una larghezza di circa 10 cm.  Prendete mezzo cucchiaino di ripieno e posizionatelo vicino al bordo esterno della sfoglia: ogni pallina di ripieno deve essere distante almeno un paio di cm da quello accanto.  Unite i bordi e pressate intorno alle palline di ripeno con i polpastrelli; se si creano delle bolle d’aria, eliminatele pungendo l’impasto con un ago.  Formate i calzoni con l’apposito stampino zigrinato.

Fate lessare i fagioli per circa 45 minuti e salate leggermente. Una piccola parte dei fagioli frullatela con un frullatore ad immersione, per rendere il piatto meno asciutto.

In una casseruola, fate soffriggere la cipolla e, a doratura, aggiungete i pomodorini tagliati a metà.  Fate appassire i pomodorini a fiamma alta per circa 10 minuti. Unite i fagioli cotti e fate insaporire per 5 minuti.

Fate cuocere i calzoni in abbondante acqua salata, poi scolate e versateli nel composto con i fagioli.  Aggiungete un paio di cucchiai d’acqua di cottura e fate saltare in padella.

Servite nei piatti arricchendo con del profumatissimo prezzemolo fresco.

5431611719_e6dcbb2628_bCome vi ho già anticipato, con questa ricetta partecipo al contest di Giulia, sponsorizzato da Macchine alimentari.  Perché ho scelto questa ricetta?  Innanzitutto per gli ingredienti: tutti legati alla Basilicata, la mia terra natìa, estremamente semplici e genuini (come me! ;)).  Poi perché è un piatto tradizionale: pur essendo amante del made-in-uk e del made-in-spain, sono profondamente legata alle mie radici, alle tradizioni e a ciò che rappresentano.  Anche il formato di pasta mi descrive: la forma è simile al sole (ed io mi ritengo molto solare) e dentro ha un cuore buono e tenero… Anche la tipologia di fagioli non è scelta a caso: ho usato il San Michele rosso per via del suo colore che rispecchia il mio essere passionale.  Che dite? Mi riconoscete in questo piatto? ;)

Se l’articolo ti è piaciuto, metti Like e condividilo sui social:
14 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial