Le regioni dello Scotch Whisky: focus sulle Highlands

Nella geografia scozzese, le Highlands si riferiscono a quella parte della Scozia a nord-ovest della Highland Boundary Fault, che attraversa la Scozia continentale in una linea quasi retta da Helensburgh a Stonehaven. 

A loro volta, le Highlands possono essere suddivise in quattro sottoregioni: le Highlands settentrionali, le Highlands meridionali, le Highlands occidentali e le Highlands orientali. 

Le isole, comprese le isole Orcadi e le isole di Mull, Jura, Lewis, Islay e Skye nelle Ebridi e Arran, fanno tecnicamente parte delle Highlands, ma sono tipicamente trattate come regioni produttrici di whisky separate.

La distinzione tra le Highlands e le Lowlands, sebbene vi siano alcune basi geologiche e geografiche, è radicata in questioni politiche e amministrative storiche.

La storia e le origini dei whisky delle Highlands

Per la Gran Bretagna, la questione politica determinante del diciottesimo secolo fu la guerra senza fine con la Francia. Da Luigi XIV alla Francia rivoluzionaria all’imperialismo napoleonico, Londra si trovò bloccata in un conflitto esistenziale con il suo vicino oltre la Manica.

Le guerre sono costose e, poiché la guerra con la Francia divenne urgente, anche la necessità di entrate fiscali. Circa la metà del costo delle guerre con la Francia fu finanziato da varie accise, comprese le tasse sull’orzo maltato e sulla capacità della distilleria. 

Il Wash Act del 1784 e il Distillers Act del 1786 avevano, per la prima volta, tracciato una linea geografica precisa tra le Highlands e le Lowlands. 
Quest’ultimo ha introdotto un sistema di licenze per le distillerie e aumentato i dazi in Scozia ai livelli inglesi.

Le Highlands avevano un’accisa inferiore, 1,1 sterline per gallone di capacità all’anno, ma erano limitate a un minuscolo alambicco per distilleria per non superare i 40 galloni di dimensione. 

Si poteva usare solo orzo coltivato localmente e qualsiasi whisky prodotto doveva essere consumato nel distretto locale.

Inoltre, il numero delle distillerie è stato ridotto a due per parrocchia. Da un punto di vista pratico era difficile far rispettare questi regolamenti nelle remote Highlands. 

La distillazione illegale era dilagante, ma la maggior parte del whisky prodotto veniva consumato localmente. 

C’era un po’ di contrabbando attivo nelle più grandi città scozzesi, ma poco di questo whisky è arrivato in Inghilterra in quantità apprezzabili.

Acquistare whisky online

Nelle pianure, il dazio è stato valutato a 2,10 sterline per gallone di capacità all’anno. La legge imponeva anche un dazio di due scellini per gallone sugli alcolici esportati in Inghilterra. 

Il dazio è stato aumentato di sei pence nel 1788. Il dazio sugli alambicchi è stato successivamente aumentato a tre sterline per gallone di capacità.

Nel 1793, tale dazio fu triplicato a nove sterline e raddoppiato di nuovo a 18 sterline nel 1795. Questo valore fu nuovamente triplicato a 54 sterline nel 1797 e raddoppiato nuovamente a 108 sterline nel 1800.

Nel 1803, il tasso fu aumentato ancora una volta a 162 sterline per gallone di capacità. Tra il 1786 e il 1803, nell’arco di 17 anni, i dazi sugli alambicchi erano aumentati di oltre 77 volte.

L’effetto cumulativo dell’aumento della tassazione è stato il fallimento virtuale dell’industria del whisky scozzese nelle Lowlands. Ha anche portato allo sviluppo di quelle che erano, in effetti, due diverse industrie scozzesi: le Highlands e le Lowlands. 

Appesantiti da tasse eccessive, i distillatori di Lowland divennero produttori di massa di whisky di bassa qualità. 

Leggi anche: Le regioni dello scotch whisky

Il prodotto era praticamente imbevibile e la maggior parte è stata esportata in Inghilterra, dove è stata rettificata e trasformata in gin per soddisfare la mania del gin londinese del diciottesimo secolo.

I produttori di whisky delle Highland, sicuri di ignorare le autorità fiscali, si sono concentrati invece sulla produzione di un whisky di qualità per soddisfare la domanda nelle città scozzesi. 

Fino a circa la metà del diciannovesimo secolo, il whisky delle Highland era considerato di gran lunga superiore al whisky delle Lowland. 

Ecco perché il primo boom del whisky scozzese è iniziato con i whisky delle Highland piuttosto che con i produttori di volumi facilmente accessibili nelle Lowlands.

Stili e caratteristiche dei whisky delle Highlands

In generale, i malti Highland tendono ad essere più robusti, con sapori e aromi più pronunciati e un peso e una consistenza significativamente maggiori al palato.

 Inoltre, ci sono caratteristiche regionali che riflettono l’impatto del clima e del terreno, nonché la fonte di carburante utilizzata per essiccare l’orzo maltato.

distilleria clynelish

Highlands settentrionale

I whisky delle Northern Highland sono corposi, dolci e ricchi. Questi malti mostrano aromi distintivi di cereali, insieme a note di frutta e noci. C’è molta varietà tra gli Highlanders del Nord tra cui Clynelish, Dalmore e Glenmorangie.

Highlands meridionali / centrali

I whisky Southern Highland sono leggermente più leggeri, secchi e decisamente fruttati. Lo stile ha più in comune con i malti Lowland rispetto ai suoi cugini settentrionali più robusti. 

Anche qui la scelta della finitura in botte introduce una gamma di aromi e sapori più ampia di quella tipica della regione.

Leggi anche: Come annusare il whisky senza affaticare l’olfatto

Highlands Occidentali

I whisky delle Highland occidentali sono pieni e pungenti con un notevole tono di torba e fumo. A volte questo può essere accompagnato da pronunciate note dolci di sherry e spezie di legno che creano un soddisfacente sapore dolce e affumicato. 

Alcuni malti delle Highland occidentali possono avvicinarsi ai loro cugini di Islay per l’intensità delle loro espressioni torbate e dei loro distintivi elementi marini. La principale espressione di quest’area è la distilleria Oban.

Highlands Orientali

I whisky delle Highland orientali vanno dal secco al dolciastro e dall’erba al molto fruttato. Quelli con un caratteristico elemento dolciastro e note speziate esotiche potrebbero essere facilmente scambiati per un malto del vicino Speyside.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial