Le regioni dello Scotch Whisky: focus sullo Speyside

whisky dello Speyside

Oltre la metà delle distillerie di whisky scozzesi si trova nello Speyside, l’angolo nord-est degli altopiani scozzesi. La lussureggiante e fertile valle del fiume Spey è senza dubbio il cuore della distillazione di whisky single malt in Scozia.

L’abbondanza e la qualità della sua acqua è il motivo principale per cui le distillerie di whisky si sono riversate nella regione dello Speyside. 

L’acqua della regione ha il livello più basso di minerali disciolti di qualsiasi altra regione della Scozia. La difficile accessibilità dello Speyside, almeno fino al boom delle ferrovie della metà del diciannovesimo secolo, aveva l’ulteriore vantaggio di mantenere i “misuratori”, e gli esattori delle accise sul whisky, a una comoda distanza.

La storia e le origini dei whisky dello Speyside

La regione dello Speyside è stata la fonte del primo boom del whisky scozzese. 

Nell’agosto 1822, il re Giorgio IV fece un viaggio molto pubblicizzato a Edimburgo. Mentre era lì, ha scoperto il whisky illecito prodotto nel distretto di Glen Livet nello Speyside. 

Non è del tutto chiaro quale whisky abbia assaggiato il re. La distilleria che oggi porta il nome “The Glenlivet” non era nemmeno stata ancora fondata. 

All’epoca non c’erano distillerie autorizzate nella zona. Il re ha incaricato il suo ciambellano reale, Lord Conyngham, di assicurarsi una scorta. 

Sfortunatamente, come la maggior parte dei whisky delle Highland, non era disponibile al di fuori delle Highlands.

Potrebbe interessarti anche: Le regioni dello scotch whisky

La passione del re per il whisky scozzese delle Highlands, e in particolare del distretto di Speyside di Glen Livet, ha creato una consapevolezza nazionale della qualità superiore dei whisky delle Highland. 

L’associazione del whisky scozzese con la monarchia britannica sarebbe continuata per tutto il diciannovesimo secolo. 

Nel 1835, Guglielmo IV concesse il primo mandato reale a un produttore di whisky: la Royal Brackla. Lo dichiarò il suo whisky preferito. 

La regina Vittoria era anche una forte sostenitrice del whisky scozzese. 

Ha concesso garanzie reali sia a Royal Lochnagar che a Royal Brackla, entrambi whisky delle Highland (da qui la designazione “reale” nei loro nomi), e ha dato un ordine permanente che tutte le carrozze reali dovrebbero portare una bottiglia di whisky sotto il sedile del cocchiere in caso di “emergenza.”

Whisky e distillerie dello Speyside oggi

Le distillerie dello Speyside sono spesso ordinate specificando il fiume a cui sono vicine (Spey, Bogie, Deveron, Findhorn, ecc.),

O dal distretto di produzione del whisky in cui si trovano: Bogie, Livet, Deveron, Dufftown, Fiddich, Findhorn Valley, Inverness, Isla, Lossie, Rothes e Strathisla.

Questa organizzazione è puramente geografica piuttosto che stilistica. Sebbene esista un caratteristico “stile” dello Speyside dolce, fruttato, floreale, gli stili delle diverse distillerie nella stessa area possono variare notevolmente. 

Acquistare whisky online

Stili e caratteristiche dei whisky di Speyside

I whisky Speyside mostrano sapori classici di miele, vaniglia e frutti verdi maturi come mele e pere, combinandosi creano whisky eleganti e sofisticati. 

Quelli che vengono invecchiati in botti di sherry, con l’età, inalano e assorbono il sapore radicato che rimane in quel legno e maturano per fornire una gamma di sapori di frutta secca e spezie saporite. 

Questi whisky sono meravigliosamente bilanciati tra dolce, miele, note di caramello leggero e aromi floreali, ma a volte (di rado) possono anche esibire un carattere affumicato pronunciato.

Non è raro che le distillerie adiacenti offrano whisky radicalmente diversi. Balvenie e Glenfiddich, ad esempio, sono distillerie adiacenti entrambe di proprietà di William Grant & Sons ed entrambe utilizzano la stessa fonte d’acqua, ma producono due whisky diversi tra loro.

Dallo Speyside arrivano marchi iconici come Macallan, Glenfiddich e The Glenlivet. Questi tre marchi caratterizzano il caratteristico “stile” o “modello” dello Speyside, anche se ognuno di essi ha profili di aroma e sapore molto diversi.

Leggero e floreale

Questi whisky sono croccanti e fragranti. Sono ottimi come aperitivi dal retrogusto pulito e fresco. Presentano spesso aromi di frutta verde maturi, croccanti, di mele e pere con aromi floreali e un pizzico di dolcezza. 

Buoni esempi di questo stile includono Knockando, Glenlivet e Glen Spey. Glenfiddich 12 ha un po’ di malto maturato in botte di sherry nella sua miscela, ma si adatterebbe anche a questa categoria. 

La proliferazione di finiture, tuttavia, ha fatto sì che la gamma di una distilleria si estendesse spesso ad altre categorie. 

Le espressioni Glenlivet Nadurra Oloroso Cask o Nadurra First Fill Oak Cask non appartengono a questa categoria.

Fruttato e speziato

Questi whisky sono di medio corpo. 

I sapori di frutta sono più morbidi, più maturi, al limite del cotto. La spezia del legno è più pronunciata con aromi distintivi di vaniglia e spezie da forno. 

La dolcezza è più pesante, più simile al miele e fa risaltare piacevolmente gli elementi speziati. 
Se la prima categoria ricorda una ciotola di frutta matura, allora questa categoria è più simile a una torta di frutta al forno. 

Buoni esempi includono Cardhu, Cragganmore, Glen Elgin e Glendullan.

Ricco e arrotondato

Questi whisky hanno sapori profondi, ricchi e dolci. 

I sapori di frutta enfatizzano frutta secca e noci, tipicamente con note pronunciate di sherry. Hanno una sensazione in bocca e un peso notevoli al palato. 

L’influenza dello sherry qui è inconfondibile, sebbene l’impatto dello sherry cask possa variare notevolmente tra quelle espressioni che sono maturate esclusivamente in botti di sherry (Macallan, Glenfarclas, Aberlour A’bunadh), quelle che maturano solo una parte dell’imbottigliamento in botti di sherry o hanno solo finiture in botti di sherry (Aberlour, Balvenie, Glenfiddich).

whisky The Balvenie

Queste ultime espressioni utilizzano tipicamente una botte Fino o Oloroso seguita da una botte dolce di Pedro Ximenez per aggiungere una gamma più ampia di sapori e una complessità più stratificata (Glendronach). 

In alcuni casi, la proporzione di sherry malt è aumentata nelle espressioni più vecchie per produrre un’influenza di sherry più pronunciata (Glenfiddich, Abelour). 

Altri distillatori degni di nota con questo stile della casa includono Linkwood, vedi in particolare gli imbottigliamenti speciali firmatari e l’espressione Pedro Ximenex di BenRiach.

Potrebbe interessarti: Come i vari tipi di legno influenzano il whisky

Corposo e pieno di fumo

Questo stile di scotch whisky è più tipico delle isole occidentali e delle Highlands piuttosto che dello Speyside. 

Sebbene la torba si trovi nello Speyside e sia stata usata lì di tanto in tanto, il suo uso nell’industria locale del whisky si era in gran parte estinto da tempo. 

Tuttavia, ci sono un certo numero di distillatori che producono espressioni torbate nello Speyside. Non sorprende che questi whisky siano caratterizzati da vari gradi di fumo e torba. 

La torba dello Speyside tende ad essere più secca, terrosa e più floreale, come un pot-pourri sbiadito piuttosto che lo iodio fenolico marino di Islay e delle Highlands occidentali. 

Vedi ad esempio Curiositas di BenRiach, Benromach, Old Balatruan di Tomuntoul o l’espressione Ardmore Traditional Cask.

Per gli appassionati di whisky scozzese, lo Speyside ha molto da offrire. La regione è il cuore e l’anima del regno del whisky scozzese: qui c’è molta storia e molti whisky, ed entrambi meritano di essere esplorati a fondo.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial