Hennessy

Moet Hennessy: la storia del Cognac Francese

La Maison Hennessy è la più grossa azienda produttrice di Cognac al mondo. Da sola produce circa il 50% di tutte le bottiglie di cognac prodotte in Francia, quindi nel mondo.

L'azienda è stata fondata oltre 250 anni fa, 253 per l'esattezza, ed ha tenuto in attività due famiglie rispettivamente per sette ed otto generazioni.

In pochi sanno che il marchio Hennessy, produttrice di cognac francesi è stato creato da un irlandese. Richard Hennessy nacque da una famiglia aristocratica nella contea di Cork nel 1724.

Come era abbastanza comune per un uomo della sua caratura, Hennessy lasciò l'Irlanda per l'Europa continentale dove combatté per l'esercito di Luigi XV, fondò Hennessy nel 1765 e iniziò l'era della famiglia di produrre pregiati distillati per persone molto eleganti e facoltose.

Attualmente e sin dal 1987, l'azienda fa parte del gruppo del lusso LVMH insieme a brand globali come Moet & Chandon e Louis Vuitton.

L'Hennessy di base è una combinazione di 40 distillati, che sono poi invecchiati in barrique di rovere francese e sorseggiati - idealmente con estrema classe - da un bicchierino a tulipano.

La produzione annua si attesta intorno alle 50 milioni di bottiglie e nonostante i numeri siano spaventosi, lo scorso anno, l'azienda ha dovuto trattenere il prodotto nei propri magazzini poichè la domanda stava rapidamente superando l'offerta.

I Cognac Hennessy sono prodotti quasi esclusivamente con uva Ugni Blanc, corrispondente al nostro Trebbiano, dai 4 principali cru: Grande Champagna, Petite Champagne, Borderies e Fins Bois. Il vino ottenuto viene subito distillato attraverso alambicchi di rame e successivamente invecchiato in botti di legno, anche per oltre un secolo.