Gianfranco Fino

Una azienda abbastanza giovane, in pochissimi anni è tra le più conosciute a livello internazionale nel panorama delle produzioni vitivinicole di alta qualità. Gianfranco Fino è ormai sinonimo di vini di livello assoluto, nel giro di soli 8-9 anni è punto di riferimento per produzioni di altissimo livello nel meridione d'Italia. Prima del suo avvento sul mercato, la Puglia era ricordata per lo più per vini di medio-basso livello e per le cisterne di prodotto sfuso che partivano alla volta di luoghi più blasonati e finivano per tagliare altri vitigni meno robusti e alcolici dei primitivi pugliesi.

Oggi, invece, grazie alla caparbietà, alla visione e al lavoro di Fino, la Puglia è ricordata come una terra in grado di donare grandissimi vini come l'ormai celebre primitivo ES. Oggi al nome di Gianfranco Fino è sistematicamente associato l'ES, il suo primitivo dei record, è stato infatti per diversi anni il vino più premiato d'Italia, definito per 3 anni il miglior vino d'Italia, al pari di mostri sacri come il Sassicaia di Bolgheri.

La gamma dei vini pugliesi di Gianfranco Fino è cresciuta negli ultimi 3 anni ma è sempre caratterizzata da prodotti di qualità superlativa:

  • ES Primitivo, ottenuto da vigneti vecchissimi a bassissima resa quantitativa, qualità top delle uve, in cantina selezione manuale dei grappoli, battonage e affinamento per circa 10 mesi in barrique.
  • ES Primitivo Riserva, ottenuto da un cru, un unica particella del miglior vigneto aziendale, le uve migliori dell'anno lavorate singolarmente. Matura in legno per circa 12 mesi.
  • ES più Sole Primitivo dolce naturale, un vero e proprio elisir, un vino ottenuto da appassimento in pianta con relativa surmaturazione delle uve che si sono arricchite di zuccheri.
  • JO Negroamaro, fratello dell'ES, anche lui prodotto da vecchi vigneti di negramaro, selezione dei migliori grappoli e invecchiamento in barrique di rovere francese.