Grappe venete: ecco le migliori distillerie della regione

Le grappe della regione Veneto fanno parte del patrimonio della distilleria nostrana assieme a quelle piemontesi, trentine e friulane.

Anche se la grappa si produce in quasi tutte le regioni italiane solo alcune sono riconosciute come prodotto a indicazione geografica protetta.

Le ragioni derivano dal tipo di procedimento utilizzato e dalle uve che vengono prodotte e lavorate solo ed esclusivamente nei paradisi verdi nostrani.

Non a caso città luoghi come Bassano del Grappa e Monte Grappa sembrano essere legati indissolubilmente a questo pregiato distillato, anche se non vi è una netta correlazione semantica.

distilleria veneta grappa

Le grappe venete sono considerate tra le più pregiate per ragioni storiche che riguardano gli arbori della distillazione delle vinacce.

Difatti sembra che la pratica della distillazione per la preparazione ad uso medicale fosse diffusa per lo più a Venezia dove gli acquavitai si raggrupparono in corporazioni e arti dei mestieri.

Una storia di oltre un secolo

Il Veneto oggi è un produttore di grappa molto rilevante sull’economia nazionale visto anche il successo indiscusso rispetto alla produzione di vini pregiati. I vitigni coltivati in Veneto sono quelli del Prosecco, del Moscato, del Sauvignon, del Verduzzo, dello Chardonnay e del Pinot Bianco.

A questi si aggiungono Vespaiolo, Cabernet, Merlot, Corvina e molti altri. Una produzione così abbondante di vitigni non può che dar vita a grappe di ottima qualità e, per questo, il Veneto è considerata la prima regione in Italia per produzione, vendita ed esportazione di distillato di vinaccia.

Il metodo di distillazione tradizionale prevalente è quello tramite alambicco a ciclo discontinuo che si alimenta con caldaietta a vapore fluente.

In tempi più recenti sono subentranti anche gli impianti industriali a ciclo continuo ma le distillerie sembrano non voler rinunciare alla tradizione per cui molte usano entrambe le metodologie.

Ecco dunque una panoramica di alcune delle migliori grappe Venete secondo la nostra opinione, dopo una rigorosa selezione tra le numerosissime distillerie presenti sul territorio.

Poli – Una delle distillerie storiche venete

Poli è una delle distillerie storiche del Veneto che nasce in provincia e a pochi chilometri dalla rinomata Bassano del Grappa. La sede di Schiavon fu fondata nel 1898 e da allora produce una delle migliori grappe italiane.

Alle origini Il fondatore Giobatta Poli si aggirava di casa in casa con una distilleria mobile installata su un carretto e, quindi, viaggiava per trovare buone vinacce da fermentare.

L’arte della distilleria fu tramandata dai padre in figlio fino a giungere ai pronipoti di Giobatta che oggi dirigono con successo l’azienda familiare. Sono Jacopo, Andrea e Barbara a condurre la distilleria Poli verso il successo che si è guadagnata negli anni distillando e commercializzando una grappa davvero rinomata.

La particolarità di questa distilleria risiede nell’aver mantenuto il metodo artigianale di una volta quale ingrediente del successo di cui gode oggi.

Chiaramente la selezione rigorosa delle materie prime è una priorità della distilleria che unita all’utilizzo di alambicchi discontinui di rame a vapore dà vita ad un prodotto di indiscussa qualità.

Leggi anche: La grappa fa davvero digerire?

Capovilla Distillati – La migliore grappa al mondo

Capovilla è un nome altisonante nel settore della produzione di grappa. La distilleria nasce per mano di Gianni Vittorio Capovilla, l’uomo considerato il più grande distillatore al mondo.

La sue grappe sono il frutto di una vita di passione per l’enologia, caratterizzata da viaggi istruttivi in Germania e Austria affrontati per conoscere tutti i segreti dell’arte della distillazione.

Il genio di Capovilla risiede nella distillazione della frutta, l’attività a cui il maestro ha dedicato la maggior parte delle sue energie.

L’intuizione provenne dalla volontà di ribaltare i metodi tedeschi e austriaci che vedevano nella distillazione della frutta una necessità per recuperare scarti altrimenti destinati al macero.

Per Capovilla, invece, la frutta matura al punto giusto è in grado di dare vita ad un grande distillato per via dell’intensità organolettica che è in grado di offrire durante la maturazione.

Oggi Capovilla produce la maggior parte della frutta impiegata per i suoi distillati su quattro ettari di terreno coltivato secondo i dettami dell’agricoltura biologica.

Leggi anche: Come si beve la grappa?

Antiche Distillerie Riunite – L’unione dei grandi distillatori

Antiche Distillerie Riunite è la somma di marchi prestigiosi acquisiti negli anni dalla data di fondazione che risale al 1868 a cura del giovane farmacista Giovan Battista Rossi.

Egli era così abile nella produzione di distillati e bevande che decise di lanciarsi sul mercato attorno agli inizi del 900. Negli anni l’azienda guadagnò un successo internazionale acquisendo marchi prestigiosi come Valbruna e Rossi Asiago.

Comprare grappe

Oggi l’azienda vanta una distribuzione capillare su oltre cinquanta Paesi nel mondo, toccando Giappone Stati Uniti e Sud Africa. L’azienda conosce, tramanda e mette in pratica un metodo artigianale pregiato senza mai rinunciare all’innovazione e alla sperimentazione.

Tra i prodotti di punta di quest’azienda, il cui nome resta Rossi D’Asiago in etichetta, c’è la pregiata grappa Culto, un distillato avvolgente e profumato che racchiude sensazioni uniche ed avvolgenti.

Tags:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial