Brora

Brora: storia di una delle più celebri distillerie di whisky

Brora - o come era originariamente conosciuta, Clynelish - è una delle distillerie di whisky più importanti della Scozia. Fu costruita nel 1819 dal marchese di Stafford (in seguito il duca di Sutherland) che con la moglie ei suoi fattori attuò alcuni dei più brutali sfratti forzati nelle Highlands, come parte di un esperimento economico che vide 15.000 agricoltori, spostarsi dalla loro terra verso la costa, o inviati in Canada e in Australia.

Coloro che finirono nel nuovo insediamento di Brora furono messi a lavorare nelle nuove imprese del Duca, una delle quali distillava.

Inizialmente la distilleria era destinata a prelevare una parte della fornitura locale di whisky dai contrabbandieri. Nel 1896, James Ainslie & Heilbron, una società di miscelazione con sede a Glasgow, acquistò la distilleria e la ricostruì.

Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che la distilleria iniziò ad aumentare significativamente la capacità a seguito della crescente domanda di miscele. Nel 1967, questo aveva raggiunto un'altezza tale che si decise che sarebbe stato più facile costruire una nuova e più grande distilleria - inizialmente nota come Clynelish 2 - accanto agli edifici originali piuttosto che tentare di espanderli.

La vecchia distilleria chiuse per un anno, ma riaprì nel 1969 ed era in produzione, anche se non sempre a pieno regime, fino alla sua chiusura nel 1983.

Nel 1975, dopo una modifica legislativa che vietava a due distillerie di essere chiamate alla stessa maniera, il suo nome fu cambiato in Brora. Nel periodo tra il 1972 e il 1974, quando fu ricostruito il Caol Ila della DCL, qui fu trasferita la produzione di malto pesantemente pestato. Inoltre, durante i periodi di siccità su Islay, la produzione del fabbisogno pesantemente ridotto della DCL è stata spostata nell'estremo nord est. Questo potrebbe spiegare perché, anche se i livelli di Brora in generale sono diminuiti dopo il 1977, ci sono occasionali espressioni molto fumose degli anni '80.

Alla fine la distilleria fu chiusa nel 1983 e, sebbene occasionalmente emergessero voci sulla sua riapertura, sembrarono poco più che un pio desiderio.

Tuttavia, nell'ottobre 2017 Diageo ha annunciato la riapertura delle distillerie di Brora e Port Ellen, che sono state chiuse anche nel 1983. Soggetto a permesso di pianificazione, i due siti dovrebbero essere nuovamente operativi entro il 2020.