Hampden Estate

Rum Jamaicani Hampden Estate

Per moltissimi intenditori, Hampden Estate è la migliore distilleria al mondo, noi per non esagerare siamo certi di poter affermare che sta tra le migliori 3 distillerie al mondo.

La distilleria si trova in Jamaica, a Trelawny, un'area con una straordinaria biodiversità, zona paragonabile alla Grand Cru delle canne da zucchero, a pochissimi chilometri da Cockpit Country, una vasta area incontaminata dove ancora si contano 26 specie autoctone di uccelli e gli ultimi esemplari di coccodrilli della Jamaica.

Fondata nel 1753, solo oggi dopo ben 265 anni dalla sua fondazione, i rum Hampden vengono commercializzati in Europa, aprendo così un'era storica nel mondo dei distillati da canna da zucchero.

La distilleria ha diverse peculiarità che rendono i suoi rum davvero speciali:

  • L'uso della propria acqua sorgiva
  • L'uso di soli lieviti selvaggi
  • Prolungata fermentazione
  • Distillazione in pot still
  • L'utilizzo di antiche tecniche di lavorazione in uso sin dal 18° secolo, ciò consente di sviluppare un altissimo numero di esteri tali da ottenere un profilo aromatico unico
  • Invecchiamento in Jamaica significa un invecchiamento tropicale, le etichette Hampden sono invecchiate 7 anni che sono paragonabili a 25 anni in Europa
  • Nessuna aggiunta di zuccheri o coloranti al rum

Trelawny, il territorio gran cru dei rum

Trelawny è una provincia della Giamaica situata nella parte nord occidentale del paese. Si affaccia sul mare dei Caraibi ed è formata nella parte nord da fertili pianure e nella parte sud dalla Cockpit County, una zona montagnosa, completamente incontaminata, ricoperta dalla foresta tropicale primaria, dove vivono ancora gli ultimi coccodrilli giamaicani, diverse specie endemiche di uccelli e la giant yellow butterfly.
La regione fu colonizzata parzialmente dagli spagnoli, ma solo con l’arrivo degli inglesi, nel 1655, si iniziano a sviluppare l’agricoltura della canna da zucchero e la produzione di zucchero
e rum. All’inizio del 1800 erano già presenti più di cento piccole sugar estates, con annessa distilleria. È proprio in questi anni che Hampden Estate sviluppa una tecnica estremamente
complessa per la produzione di rum molto aromatici, con valori estremamente elevati di esteri.
La tecnica di Hampden viene rapidamente recepita dalle altre distillerie locali, e così nasce il Trelawny rum, che per la sua specificità viene considerato una categoria a parte dei rum
giamaicani, e ottiene già nel 1800 prezzi di mercato sensibilmente più alti. Le sugar estate / distillerie più famose all’inizio del XX secolo sono Hampden, Long Pond, Vale Royal, Cambridge e Hyde.
Nel 1932, quando viene creata la Spirits Pool Association, esistono ancora cinque distillerie fumanti: Hampden, Long Pond, Vale Royal, Cambridge e Georgia. Cambridge viene ‘amalgamata’ a Long Pond nel 1945, e Vale Royal nel 1955, mentre Georgia brucia nel 1939, e non viene più riaperta. Oggi la tradizione dei Trelawny rum rimane viva grazie a Hampden Estate e Long Pond.

Acqua di sorgente

Dall’inizio dell’attività, Hampden utilizza in tutti i suoi processi produttivi l’acqua di una fonte a 7 chilometri a sud della distilleria.
Nel 1760 fu costruita una diga interamente in pietra per contenere l’acqua sorgiva. Da sempre, questa diga è denominata York Pond. Con un sistema di canalizzazione oggi in parte sostituito
da tubature, l’acqua giunge ad Hampden, ed è un elemento sostanziale nell’originalità dei suoi rum.
Alcuni anni fa Hampden sperimentò come test l’utilizzo dell’acqua dell’acquedotto pubblico, con risultati negativi sul risultato finale.

Lunghissime fermentazioni spontanee

Le fermentazioni ad Hampden sono un sogno per tutti quelli che intuiscono la magia e il mistero di questo processo che trasmuta la farina in pane, l’uva in vino e un fermentato di canna da zucchero in rum.
Nei tini troncoconici di legno, sulle cui doghe si legge il passare del tempo, avviene la fermentazione alcolica che dura tra 8 e 15 giorni, grazie ai lieviti selvaggi che vivono e si riproducono nei locali adibiti alla fermentazione.
Terminata la fermentazione alcolica, il “dead worth” rimane altre due settimane nei tini di fermentazione, dove avvengono delle “fermentazioni” batteriche che svilupperanno in distillazione gli esteri necessari ai diversi marks prodotti dalla distilleria.

Il più alto numero di esteri

I Trelawny rums sono nati a fine 1700 in questa specifica regione della Giamaica.
Hampden Estate è la distilleria che ha perpetuato questa tecnica attraverso i secoli, e ha partecipato a tramandarla anche alle ultime due distillerie sopravvissute che ancora la utilizzano.
La tecnica per produrre high esters rum è estremamente complessa, ed è sorprendente pensare che si sia sviluppata in un’epoca pre-scientifica, solo attraverso delle prove empiriche, in assenza di cromotografi, etc.
Richard Seale e Gianni Capovilla, che hanno visitato Hampden in epoche diverse, sono rimasti affascinati dal processo produttivo di Hampden.
Dalla fine del 700 i rum di Trelawny hanno sempre ottenuto i prezzi più elevati del mercato mondiale di riferimento.

Distillazione esclusivamente in Pot Styll

Il double retort pot still è l’alambicco storico giamaicano.
Hampden Estate è rimasta una delle ultime distillerie a usare esclusivamente la distillazione discontinua per produrre i suoi rum. Ha attualmente 4 pot still in attività.
Il più anziano è un John Dore installato nel 1960, con una capacità di 2000 galloni (7560 litri). Il suo collo di cigno è molto imponente, e per questo viene soprannominato “The elephant”.
Il Vendome, del 1994, capacità 5000 galloni (18900 litri), è installato in una ‘veranda coperta’, ed è l’unico che vede i campi di canna da zucchero circostanti la distilleria.
Il Forsyth è entrato in funzione nel 2010 e ha una capacità di 5000 galloni.
Nel 2016 è stato aggiunto il quarto pot still, costruito dalla TNT sudafricana, sempre con capacità di 5000 galloni.
La durata della distillazione è di circa sette ore, e il distillato esce a circa 82% ABV.

L'invecchiamento tropicale

Hampden ha da sempre venduto fresh rum ai traders europei e americani, nelle diverse espressioni dei suoi marks a diversi livelli di esteri. Solo con l’acquisto da parte della famiglia
Hussey, nel 2009, ha cominciato a invecchiare i suoi rum.
I barili più vecchi risalgono al 2010.
L’invecchiamento avviene in barili da 190 litri ex-bourbon, e attualmente lo stock ammonta a 2700 casks. L’angel share media è dell’8% per anno.

100% naturale

I pure single rum di Hampden sono prodotti, invecchiati e imbottigliati senza nessun additivo.
Nessuna aggiunta di zuccheri, di sciroppi di tannini, di caramello, di glicerina: sono rum senza maquillage, autentici, sinceri. Un grande distillato non ha bisogno di nessun ‘trucco’ per
poter essere apprezzato dai conoscitori più esigenti.